Mediometraggio “Maledettissima tu”

Al Presidente della XXII Ed. del FESTIVAL INTERNAZIONALE “ANTONIO DE CURTIS”

Avv. dott. ALBERTO DE MARCO

Grazie di cuore da Francesco La Rosa,

Un lavoro totalmente indipendente, nello specifico un mediometraggio di 64 minuti circa dal nome “Maledettissima tu”.

Nel cast vi sono alcuni personaggi di spicco: Pino Maniaci, Antonio Cannata, Sabrina Privitera. Interpretazione di brani di Alfio Patti e Nino Marchi. Musiche di Carmelo Incognito.

Un’opera, la mia, intrisa d’una trama drammatica, di un lessico vernacolare misto, racconta la storia di un bambino che crescendo e diventando uomo si ritrova suo malgrado imprigionato nella stretta fra il bene e il male. Un film che rinnova un invito rivolto ai giovani, cioè quello di stare lontani dalla delinquenza. Tra un proscenio intersecato d’amore e famiglia ed una ribalta all’insegna di una inverosimile mafiosità si insinua un innesto neomelodico malinconico, quasi rassegnato che fa da sottofondo ad un bel finale strappalacrime. La tematica principale del film risiede quindi nell’ambivalenza del bene e del male, elementi insiti in ognuno di noi, la prevalenza di uno dei quali si compie a prescindere dall’influenza dell’ambiente in cui si cresce e dell’educazione che si riceve. Il protagonista “Angelo” può essere visto come le facce di una stessa medaglia nelle quali l’identità influenza le azioni, le emozioni, la sicurezza di sé e persino i sogni di una persona. La relazione padre-figlio è un’altra tematica che ricorre in tutto il film. Si sottolinea inoltre una preziosa presenza dell’Istituzione scolastica che sempre può ritrovare nella “paideia” romantica una funzione educativa esemplare che risiede anche nell’esperienza: si prende spunto dagli sbagli altrui per non commetterne altri.

Francesco La Rosa, catanese di 42 anni, è un operaio di professione, diplomato analista contabile, Cameramen e Videoperatore per diverse emittenti, coltiva il sogno nel cassetto di realizzare una sua produzione. Comincia nel 2014, girando il primo cortometraggio “PACENZIA” che arriva agli onori della cronaca italiana, perfino in una tivù della Corsica. 

Fa il cameramen e il regista presso emittenti televisive siciliane, collabora con la tivù nazionale di POP ECONOMY del Direttore Francesco Specchia di LIBERO. 

Dopo questi primi fortunati tentativi, nel 2018 esce Maledettissima Tu, mediometraggio e sua seconda opera indipendente.

<<Mi sento appagato, i miei 42 anni “suonati” e i tanti anni di gavetta con servizi da cerimonia, produzioni proprie indipendenti, serate da cameraman e videomaker su commissione; è un premio che mi ripaga. Adesso dopo le  mie 2 opere prodotte, PACENZIA e MALEDETTISSIMA TU, mi dedicherò, come già faccio da 2 anni, con i format televisivi per le emittenti regionali. C’è uno splendido progetto in corso con la show-girl catanese Ketty Ranno, una trasmissione nuova, fresca, allegra, dinamica e oserei dire “populista” su cui stiamo lavorando insieme a Ketty, il nostro scopo è divertire, attrarre il pubblico e riportare la gente davanti alla tivù staccando per poco dallo smartphone. Piacerà senz’altro al pubblico da casa, quello tradizionalista ma soprattutto susciterà notevole effetto mediatico, e ne sono sicuro, da parte dei giovani. Se tutto va bene, corona virus permettendo e ufficialità ancora d’arrivare, dalla prossima stagione autunnale e farà compagnia il pubblico da casa per tutto l’invero 2020/21; non diciamo, appunto su quale emittente regionale, perché ancora manca l’ufficialità e il momento televisivo, come quello sociale, è davvero incerto… sarà di certo che Vi faremo divertire. Chissà, dico chissà, se magari ci sà nel prossimo futuro la possibilità di poter collaborare con la Vostra Associazione per creare insieme qualcosa di bello e poter mettere in evidenzia, come Totò merita, l’umiltà e il senso di legalità presenti nell’anima del Principe ANTONIO DE CURTIS. Grazie e ancora grazie>>.

 Francesco La Rosa

Mediometraggio “Maledettissima tu”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su